Il compromesso, infatti, non può essere il DNA del cattolicesimo in politica, tanto più sapendo bene che la prassi giurisprudenziale e amministrativa sposterà l’asticella sempre più in basso.