Il problema non è l’accanimento terapeutico ma l’abbandono terapeutico.