Cara Salis, ecco cos’è legale ma ingiusto: l’aborto.

Scrivere manifesti pro vita, o recitare il Rosario, sommessamente e pacificamente, di fronte ad un ospedale ove si praticano aborti, vengono considerati “crimini d’odio”, atti di “inaudita violenza”, attentati alla libertà di scelta.

di Massimo Gandolfini

Nasce a Roma il 31 agosto del 1951 Nel 1977 consegue la laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università Statale di Milano con il massimo dei voti e lode. Nel 1981 si specializza in Neurochirurgia, sempre a Milano, e nel 1991 in Psichiatria, presso l’Università Statale di Brescia. Dal 1997 dirige il Dipartimento di Neurochirurgia-Neurologia di un ospedale bresciano. Fa parte del Cammino Neocatecumenale. Padre di 7 figli adottati. Presidente dell’Associazione Family DAY.

9 Luglio 2024

Pubblichiamo per gentile concessione del quotidiano “La Verità”

“Non sempre ciò che è giusto corrisponde a ciò che è legale”: parole della neo-europarlamentare di Alleanza Verdi Sinistra, Ilaria Salis, in risposta a chi le chiedeva che cosa ne pensasse dei suoi “compagni” dediti ad occupare abusivamente case altrui, esperti nella nobile arte di rompere i sigilli di appartamenti in attesa di regolare assegnazione pubblica.

Lo slogan con cui questi convinti “democratici” hanno tappezzato le vie di Monza, la dice lunga sul senso di legalità che li anima: “Occupiamo quando vogliamo”. Come dire: la mia volontà, il mio interesse, il mio tornaconto, il mio vantaggio è l’unica vera legalità, l’unica vera giustizia e chi vi si oppone – lo Stato in primis – è solo violenza “fascista”.

Parolina magica, oggi tanto di moda, con cui attaccare chiunque non la pensi come questi “miti compagni” di sinistra. Che poi sono gli stessi che strappano i manifesti o assaltano, con tanto di bombe molotov, le sedi di chi difende la vita e cerca di aiutare bambini a nascere, e le donne che lo chiedono a portare a termine la gravidanza. Comunque la si pensi, è vergognosamente evidente la grottesca farsa della libertà a senso unico cui assistiamo ogni giorno: imbrattare un monumento, scrivere slogan violenti sui muri delle pubbliche strade, strappare manifesti con l’immagine di un feto che “è uno di noi”, o di una donna incinta con la scritta “scegliamo la vita”, così come occupare una casa altrui, sono atti di giustizia e di libertà.

Al contrario, scrivere manifesti pro vita, o recitare il Rosario, sommessamente e pacificamente, di fronte ad un ospedale ove si praticano aborti, sono “crimini d’odio”, atti di “inaudita violenza”, attentati alla libertà di scelta, torture psicologiche, che vanno severamente puniti, con daspo e leggi antifasciste … perché di evidente fascismo si tratta! Poi, per aggiungere la beffa al danno, partono le interrogazioni parlamentari dei solerti “paladini” della democrazia “come piace a me” o i divieti di affissione degli altrettanto solerti sindaci “arcobaleno”, che tanto hanno a cuore l’inclusività, intesa come chiudere la bocca a chi non la pensa come me. Però, a ben vedere, quella frase della Salis, un fondo di vero ce l’ha, perchè l’aborto legale rappresenta la quintessenza dell’ingiustizia. Legale sì, giusto proprio no! Dichiarare per legge che la soppressione di un bimbo innocente, indifeso, nel seno materno, è un atto legale significa trasformare il diritto in uno strumento di violenza inaudita e disumana.

Va contro le radici stesse del senso dell’umano che abita in ognuno di noi. Ci commoviamo – giustamente – nel vedere un cagnolino abbandonato, un gattino maltrattato, o quando Alberto Angela ci ammonisce che mamma orsa polare con i suoi orsetti rischiano l’estinzione … come sopportare che la soppressione di un feto sia un “diritto”, tutelato dalla cogenza di una legge!? Eppure è così che sta avvenendo, fino alla delirante richiesta che sia iscritto fra i diritti universali dell’uomo. L’ aborto è un evento tragico, in alcuni casi frutto di una decisione drammatica, e non se ne attenua il dolore che l’accompagna con una legge. Sarebbe utile ricordare quanto lo stesso Enrico Berlinguer disse a Firenze il 26 aprile 1981, durante un pubblico comizio: “Deve essere chiaro a noi stessi e agli altri che noi, in quanto fautori della legge 194 e anche in quanto comunisti, non difendiamo l’aborto, non lottiamo per la libertà di abortire, non riteniamo l’aborto una conquista civile, né tantomeno un fatto positivo … (dobbiamo cercare, ndr) con opportuni strumenti legislativi di contenerne i guasti, e di avviare mutamenti culturali e mutamenti sociali che tendano gradualmente a farlo scomparire come atteggiamento culturale e come fatto sociale. Noi non siamo dunque abortisti, l’aborto resta per noi una male … Lavoriamo perché nel futuro dei giovani non ci sia più l’aborto”.

Non possiamo che essere d’accordo e ricordarlo a tutti coloro che parlano di “diritto civile”, se proprio colui che fu certamente uno degli artefici della legge 194, la intese come un “male” transitorio e contingente. Signora Salis, ha proprio ragione lei, con quella sua affermazione: l’aborto è legale, ma profondamente ingiusto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Resta aggiornato con tutte le iniziative e gli articoli in difesa della vita e della famiglia.

    Acconsento al trattamento dei dati secondo la Privacy Policy

    Ti potrebbe interessare..

    Il popolo per la vita sfila contro la dittatura del pensiero unico

    Il popolo per la vita sfila contro la dittatura del pensiero unico

    In questo scenario ideologico, la Manifestazione “Scegliamo la Vita” che si terrà a Roma sabato prossimo, 22 giugno (Piazza della Repubblica, ore 14.00) acquista una particolare importanza: il popolo della vita si propone di essere il “popolo per la vita”, pronto a sfilare per le vie della capitale allo scopo di manifestare pubblicamente la bellezza della vita, che supera e sorpassa tutte le devastanti ideologie mortifere, dall’aborto al suicidio assistito, all’eutanasia, alla vendita di esseri umani, in particolare di bambini.

    Share This

    Se ti piace questo articolo lo puoi condividere!

    Altre persone potrebbero trovarlo utile.