Caro Achille Lauro, sei così banale da voler vincere facile?

Perchè oggi offendere il cristianesimo richiede poca fantasia: lo fanno in tanti, anzi, quasi tutti. Quindi, se devo dare un voto alla tua fantasia, direi due meno meno, sulla fiducia.

di Federico Vincenzi

Federico Vincenzi, avvocato, si occupa di legal tech. Collabora con Università della Lombardia, formatore presso diverse aziende. Segue progetti di start-up, ha fondato youjustice.net, sito per la gestione dei conflitti. Sposato con Dora, cinque figli, si diletta come scrittore.

2 Febbraio 2022

Caro Achille Lauro,

non so come sia la tua musica, non so nemmeno se sei bravo. So solo che anziché puntare sul talento, sulla bravura canora, ti sei buttato già da tempo sulla comunicazione. Lord Byron diceva dei suoi eroi: “può esser amato o odiato, ma non ignorato”.
Forse cerchi questo: non esser ignorato. In fondo presumo che tu abbia esperti di comunicazione che ti aiutano a cercare questa ribalta. Persone che pagherai anche tanto e che insieme a te siedono ad un tavolo per sfoderare il colpo da maestro. Quello che buca lo schermo, che fa parlare la gente, bene o male non importa, l’ho scritto sopra.

Beh, allora, permettimi una domanda: tutto qua?

Sei così banale da voler vincere facile? Perché, diciamocelo, sfottere Gesù, sfottere il battesimo, non è un atto di coraggio, e non è nemmeno una grande invenzione.
Sai perché?

Perché oggi offendere il cristianesimo richiede poca fantasia: lo fanno in tanti, anzi, quasi tutti. Quindi, se devo dare un voto alla tua fantasia, direi due meno meno, sulla fiducia.
Ma poi, credimi, di coraggio ne hai ancor meno. Perché oggi, se parli male della Chiesa, se la irridi, sei solo uno che non ha il coraggio di andare controcorrente, sei solo uno che si adegua alla massa. Cerchi consensi facili, superficiali, di persone che sorridono, ma non sanno ridere né piangere.
Oggi stai irridendo chi non è intoccabile. Gli intoccabili sono altri, e li trovi nella bibbia del politicamente corretto.

Prova a offendere loro. Provaci, se hai il coraggio.
O forse non ne hai?

Oggi parlano tutti di te. E quel che hai fatto giunge alle orecchie e agli occhi di uno come me, che non ha mai sentito una nota delle tue canzoni.
Ora ti aspetti che io dica: “non le ascolterò”. Ti aspetti una reazione arrabbiata.
No, non è il caso. Non mi fai arrabbiare. Mi fai però un pochino tristezza.
Perché quella tua performance è per me solo un messaggio, amaro: tu stai gridando al mondo che il primo a pensare di valer poco come cantante, sei tu.
Dovresti imparare a volerti bene.

Credimi, quello, anzi Quello che prendi in giro te ne vuole. E anche tanto.

di Federico Vincenzi, Family DAY

Ti potrebbe interessare..

Per cortesia, almeno non rubateci la Pasqua!

Per cortesia, almeno non rubateci la Pasqua!

Si può credere o meno che sia il Figlio di Dio, risorto, ma è comunque il simbolo – credenti o no – che dolore, passione, sofferenza e morte non sono l’ultima ineluttabile parola, aprendo quantomeno le porte alla speranza di una vita nuova.

A PROPOSITO DI DISCRIMINAZIONI: La storia di Päivi Räsänen

A PROPOSITO DI DISCRIMINAZIONI: La storia di Päivi Räsänen

E così accade che mentre nel mondo intero ci apprestiamo a celebrare la giornata mondiale contro le discriminazioni, in Finlandia, Päivi Räsänen, nel silenzio più assoluto dei media istituzionali, si trova ad affrontare un processo e rischiare – in caso di condanna- oltre due anni di galera, per aver espresso pubblicamente le proprie idee sul concetto di matrimonio e su cosa pensa in relazione all’ideologia di gender.

Share This

Se ti piace questo articolo lo puoi condividere!

Altre persone potrebbero trovarlo utile.