Gandolfini (Family Day): giornata omotransfobia non diventi grimaldello per il gender nelle scuole

“Parlare ai bambini delle elementari e dell’asilo - ma anche agli adolescenti - di transessualità e fluidità non apporta alcun beneficio alla loro capacità di accoglienza ma genera solo confusione e insicurezza.

di Redazione

Il Family Day è nato dall’amore sincero per la famiglia e per la vita ed è sbocciato mostrando decine di migliaia di famiglie disposte a manifestare e a combattere per la loro dignità ed esistenza. Tutte le donne e tutti gli uomini hanno pari dignità, non ci sono sconti a questo fondamento della vita civile. La famiglia fondata sull’amore tra uomo e donna che si donano generando il frutto del loro amore che sono i figli, è il secondo fondamento che ha realizzato quella varietà, bellezza e ricchezza di popoli e nazioni che oggi popolano il nostro pianeta.

13 Maggio 2022

“Il sacrosanto rispetto per tutti gli essere umani e la lotta alle discriminazioni non diventino l’occasione per indottrinare gli studenti con strampalate teorie sulla fluidità dei sessi, transizioni, gender, carriera alias ed altri elementi di ipersessualizzazione precoce, che turbano solamente la serena strutturazione dell’identità dei minori in un momento particolarmente delicato della vita” così il presidente del Family Day Massimo Gandolfini avverte le autorità scolastiche alla luce della recente circolare ministeriale inviata il 5 maggio alle scuole di ogni ordine e grado con oggetto “17 maggio – Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia”.

“Parlare ai bambini delle elementari e dell’asilo – ma anche agli adolescenti – di transessualità e fluidità non apporta alcun beneficio alla loro capacità di accoglienza ma genera solo confusione e insicurezza, come riportano le statistiche di molti paesi in cui da anni vengono applicati questi programmi ideologici e dove si registra un vero e proprio boom delle transizioni e di problemi dell’identità anche in soggetti giovanissimi”, prosegue Gandolfini. Ricordiamo inoltre agli istituti che si apprestano ad organizzare iniziative extracurriculari su questi temi la Nota Ministeriale n. 1972 del 15.09.2015, che stabilisce che “tra i diritti e i doveri e le conoscenze da trasmettere non rientrano in nessun modo né ‘ideologie gender’ né l’insegnamento di pratiche estranee al mondo educativo”. Infine esortiamo le famiglie ad avvalersi sempre del diritto al Consenso preventivo informato in riferimento alle attività relative all’ampliamento dell’offerta formativa.

Ti potrebbe interessare..

Share This

Se ti piace questo articolo lo puoi condividere!

Altre persone potrebbero trovarlo utile.