Gandolfini (Family Day): grati a Vescovi del Triveneto, va garantito il diritto alla cura e non il suicidio assistito

I vescovi del Triveneto lanciano un duro monito verso la deriva eutanasica.
Comunicato stampa

di Redazione

Il Family Day è nato dall’amore sincero per la famiglia e per la vita ed è sbocciato mostrando decine di migliaia di famiglie disposte a manifestare e a combattere per la loro dignità ed esistenza. Tutte le donne e tutti gli uomini hanno pari dignità, non ci sono sconti a questo fondamento della vita civile. La famiglia fondata sull’amore tra uomo e donna che si donano generando il frutto del loro amore che sono i figli, è il secondo fondamento che ha realizzato quella varietà, bellezza e ricchezza di popoli e nazioni che oggi popolano il nostro pianeta.

25 Ottobre 2023

“Il suicidio assistito è una scorciatoia che giustifica disinvestimento nella cura e nell’assistenza della persona malata. Con queste parole i vescovi del Triveneto hanno lanciato un duro monito verso la deriva eutanasica che hanno intrapreso alcuni servizi sanitari regionali del Nord-Est. Come Family non possiamo che essere grati a questi Pastori che guardano all’ecologia integrale della persona e si oppongono alla società dello scarto che abbandona anziani, disabili e malati”, così leader del Family Day commenta la nota diffusa ieri dai Vescovi e la Commissione regionale per la Pastorale della Salute della Conferenza Episcopale del Triveneto.

“I Vescovi mettono al centro del loro contributo la questione antropologica, la dignità della vita umana e denunciano anche i risvolti pratici di queste fughe in avanti delle istituzioni locali che, sostituendosi al legislatore nazionale, creano un caos normativo che favorisce ‘una sorta di esodo verso le Regioni più libertarie’. Da medico posso sottoscrivere le parole dei presuli del Triveneto e posso dire che non esiste alcuna richiesta di morte da parte di malati a cui sono garantire le cure e la prossimità dei parenti e del personale sanitario. Ogni sforzo deve andare nella direzione del sostegno alle famiglie e alle strutture che concorrono nell’assistenza, soprattutto quella domiciliare. Quindi, i governatori di Veneto e Friuli Venezia Giulia e i presidenti delle provincie autonome di Bolzano e Trento pensino a garantire il diritto alla cura piuttosto di allargare le maglie giuridiche per ottenere la morte”, conclude Gandolfini.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ti potrebbe interessare..

Share This

Se ti piace questo articolo lo puoi condividere!

Altre persone potrebbero trovarlo utile.