Gandolfini (Family Day): “Solidarietà a Montevecchi, sbagliato concedere patrocinio alla Festa arcobaleno. Si dimetta l’assessore Melandri”

L’Associazione Famiglie Arcobaleno non ha mai fatto mistero di portare avanti le istanze della legalizzazione dell’utero in affitto, della fecondazione eterologa per coppie dello stesso sesso e del commercio di gameti.

di Redazione

Il Family Day è nato dall’amore sincero per la famiglia e per la vita ed è sbocciato mostrando decine di migliaia di famiglie disposte a manifestare e a combattere per la loro dignità ed esistenza. Tutte le donne e tutti gli uomini hanno pari dignità, non ci sono sconti a questo fondamento della vita civile. La famiglia fondata sull’amore tra uomo e donna che si donano generando il frutto del loro amore che sono i figli, è il secondo fondamento che ha realizzato quella varietà, bellezza e ricchezza di popoli e nazioni che oggi popolano il nostro pianeta.

18 Maggio 2022

“Condividiamo in pieno le posizioni espresse dal consigliere regionale della Lega in Emilia Romagna, Matteo Montevecchi, che ha sollevato il caso del patrocinio accordato dal comune di Forlì – assessorato alla cultura alla Festa delle famiglie arcobaleno. Bene ha fatto Matteo Montevecchi e una parte della maggioranza di centro destra, che amministra il capoluogo romagnolo, a chiedere le dimissioni dell’assessore alla Cultura Valerio Melandri, che in maniera confusa ha giustificato questa decisione dicendo di non voler censurare nessuno anche se non condivide le istanze dell’iniziativa. Dare il patrocinio significa sostenere e promuovere un determinato evento con l’avallo delle istituzioni competenti, non capirlo o peggio far finta di non capirne i risvolti significa non possedere le basi per esercitare l’amministrazione del bene comune” commenta il leader del Family Day Massimo Gandolfini in riferimento alle polemiche che hanno investito l’assessore.

“L’Associazione Famiglie Arcobaleno non ha mai fatto mistero di portare avanti le istanze della legalizzazione dell’utero in affitto, della fecondazione eterologa per coppie dello stesso sesso e del commercio di gameti. Pratiche attualmente illegale ma rivendicate anche in eventi pubblici. A nostro avviso si tratta del tentativo di cancellazione a tavolino del padre e della madre come avvenuto in altri Paesi europei. Chi ha chiesto e ottenuto il sostegno del Family Day in campagna elettorale non può, una volta eletto e conquistato il governo di una città, accodare con tale leggerezza un patrocinio ad associazioni che propugnano l’esatto contrario di quanto contenuto nella carta valoriale che sì è sventolata davanti agli elettori e con la quale è stato chiesto il loro voto. Allo stesso tempo va detto che rifiutare un patrocinio non è un atto di censura che limita la libertà di espressione. Quindi o siamo difronte al classico caso di sudditanza culturale nei confronti dei movimenti progressisti oppure c’è un’evidente malafede inconciliabile con le premesse del programma di maggioranza. Anche nel caso di eventuali ed auspicabili dimissioni di Melandri non può essere rimandato un immediato confronto nella maggioranza centro-destra”, conclude Gandolfini.

Ti potrebbe interessare..

Share This

Se ti piace questo articolo lo puoi condividere!

Altre persone potrebbero trovarlo utile.