Ha vinto la vita

Mi colpisce, scandalizza e, francamente, mi fa sentire anche terribilmente in colpa la vicenda della donna che ha partorito il bambino e poi, non potendosi permettere una nuova vita, non lo ha riconosciuto. C'è sempre una alternativa all'aborto, accogliere, o permettere di accogliere, una nuova vita.
Pugno di un neonato che tocca il pugno di un padre

di Federico Vincenzi

Federico Vincenzi, avvocato, si occupa di legal tech. Collabora con Università della Lombardia, formatore presso diverse aziende. Segue progetti di start-up, ha fondato youjustice.net, sito per la gestione dei conflitti. Sposato con Dora, cinque figli, si diletta come scrittore.

30 Dicembre 2022

Mi colpisce, scandalizza e, francamente, mi fa sentire anche terribilmente in colpa la vicenda della donna che ha partorito il bambino e poi, non potendosi permettere una nuova vita, non lo ha riconosciuto.
La donna vive in strada, non ha una casa, non ha un lavoro, i pasti sono provvidenza o speranza, mai certezza.
Una vita fatta di freddo, di paura, di speranza che non può andare oltre un oggi terribilmente uguale a una serie infinita di domani di povertà ed emarginazione.
Il fatto è salito alle cronache. Ma pochi, troppo pochi, si sono soffermati su una amara constatazione della ragazza che, candidamente, ha detto che se avesse saputo di essere incinta avrebbe abortito.
Il bambino è stato furbo, si è nascosto, Oggi è vivo, ne siamo felici.
Ma quel che non possiamo tacere è la ragione per cui la ragazza avrebbe rinunciato ad una vita: l’impossibilità di mantenere il bambino, di dargli una vita dignitosa.
Questa storia ci deve insegnare alcune cose.
La prima è che l’aborto è tutto tranne che figlio della libertà. La giovane avrebbe abortito perché non poteva (si legga bene: “non poteva”, non “non voleva”) mantenere il bambino. E mi chiedo: è libertà questa? O è una soluzione obbligata, per certi versi, dalla disperazione della povertà. Dobbiamo continuare a esaltare la libertà di sopprimere quel bimbo, o forse – con maggior senso di responsabilità – cercare di risolvere i problemi economici che spessissimo comandano la scelta dell’aborto?
La seconda: che se non si interrompe la gravidanza, il bambino nasce. Sembra una constatazione banale, ma non lo è. Non lo è soprattutto per coloro che dicono “è solo un feto, un mucchio di cellule”. Ebbene, sappiano costoro che quel “mucchio di cellule” è il primo passo verso un percorso che – se non interrotto – porterà certamente ad una vita. Certamente. E non si rifugino nel “quel che è domani non mi interessa”, perché chi non ama il futuro non ama l’uomo. Senza amore per il futuro non ci cureremmo di tanti temi, come l’economia, l’ambiente ecc. Il domani, lo sappiano i cultori della teoria del “mucchio di cellule”, ci appartiene. E ci appartiene anche quel bambino che certamente nascerà, se non troncheremo il suo cammino.
La terza, colma di speranza, è che c’è sempre una alternativa di vita all’aborto. Ed è una alternativa splendida, specie per il bimbo che ora vive. La storia della ragazza e del bambino ci insegnano che sì, si può nascere anche nella povertà estrema. E che con onesta dignità, una volta donata la vita, si può fare un passo indietro. Doloroso, sofferto, terribile. Ma pur sempre amorevole verso quella piccolissima creatura che, sia chiaro, non ha colpe e a cui non è giusto negare la vita solo perchè un sistema non è in grado di sostenere economicamente la sua esistenza.
E se continuate a pensare che sia questione di libertà, beh, andate a chiederlo al piccolo.
Non sa parlare, ma la sua risposta sarà chiara.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Resta aggiornato con tutte le iniziative e gli articoli in difesa della vita e della famiglia.


    Acconsento al trattamento dei dati secondo la Privacy Policy

    Ti potrebbe interessare..

    Rinnovare l’impegno a non rassegnarci

    Rinnovare l’impegno a non rassegnarci

    Per una “cultura di vita” bisogna Rinnovare l’impegno a non rassegnarci ai ‘luoghi’ divenuti ‘comuni’: si può realizzare vera solidarietà con chi soffre, ad ogni livello, dall’emarginato al malato gravissimo.

    Il paradosso della disabilità

    Il paradosso della disabilità

    3 dicembre: giornata internazionale delle persone con disabilità: della disabilità si parla malvolentieri, con gli occhi bassi, spesso in modo contraddittorio. Eppure la fragilità ha molto da insegnare e molto da dare.

    Grazie donna!

    Grazie donna!

    Il 25 novembre, è la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Un fenomeno di violenza che vede morire una donna ogni tre giorni solo in Italia

    Share This

    Se ti piace questo articolo lo puoi condividere!

    Altre persone potrebbero trovarlo utile.