Impegnarsi per diffondere una cultura della vita

Ovunque si ponga un problema, sembra emergere una sola opzione: morte. Qualcuno soffre? Poniamo ‘pietosamente’ fine alle sue sofferenze. Qualcuno è triste e depresso, subisce il fascino di suggestioni suicidarie? Accontentiamolo.

di Chiara Mantovani

Chiara Mantovani, nata a Ferrara nel 1953, medico chirurgo. Sposata, ha 4 figli e, finora, sette nipoti. Perfezionata in Bioetica all’Università Cattolica del Sacro Cuore sotto la direzione del cardinale Elio Sgreccia. Dal 2003 al 2006 membro dei Comitati Etici ferraresi dell’AUSL, dell’Azienda Ospedaliero Universitaria e dell’Ordine dei Medici. Impegnata nel volontariato del Servizio di Accoglienza alla Vita di Ferrara dal 1988, resta a lungo alla presidenza della locale sezione dell'Associazione Medici Cattolici Italiani e viene chiamata a far parte del Consiglio Nazionale. Incaricata di supportare la nascita di Scienza & Vita nella sua città, entra a far parte del Consiglio Esecutivo nazionale a cui appartiene a tutt’oggi.

6 Febbraio 2022

“Custodire la Vita” è il titolo scelto dai Vescovi italiani per il loro Messaggio in occasione della Giornata per la Vita, indetta 44 anni orsono e che puntualmente ogni anno chiede a tutti di ricordare la preziosità di ogni vita umana. Se spesso i proclami servono più a chi li pronuncia piuttosto che a chi li ascolta, è onesto riconoscere che è incrementata, anziché affievolita, l’utilità di questo suggerimento della prima domenica di febbraio. La sola constatazione che, dopo poco meno di mezzo secolo, sia ancora necessario ribadire che la Vita umana è il bene primario più minacciato, non solo in Italia ma in tutto il mondo, ci è drammaticamente familiare.

Ovunque si ponga un problema, dal panorama culturale che respiriamo e viviamo, sembra emergere una sola opzione: morte. Qualcuno soffre? Poniamo ‘pietosamente’ fine alle sue sofferenze. Qualcuno è triste e depresso, tra mal di vivere e difficoltà economiche subisce il fascino di suggestioni suicidarie? Accontentiamolo. Una gravidanza pone problemi di salute o psicologici? Giriamo altrove lo sguardo e forniamo un paio di pastigliette per sopprimere il ‘problema’. Tanti giovani, delusi e svuotati di interessi, ricolmi di ‘cose’ e privati di senso, cercano rifugio in allucinati scenari, che danneggiano cuore e cervello?Depenalizziamo le droghe. Le famiglie soffrono per crisi di identità, per povertà di mezzi, per mille ostacoli ai sogni già pensati e subito disillusi? Continuiamo a lasciarle sole e piccole, incapaci di trovare risorse in sé stesse, promuoviamo stili di vita di appagamento egoistico. Anzi, ‘uccidiamo’ la famiglia dichiarandola orpello inutile di una mentalità ormai decaduta.

Sebbene la pandemia, afferma il Messaggio dei vescovi, abbia certamente acuito differenze e difficoltà, non è rifugiandosi in “ipocrite scorciatoie” che possiamo trovare una soluzione alle tante sfide – innanzitutto di mentalità e anche di altruistico, concreto impegno – che abbiamo davanti a noi.

Dunque l’appello a “custodire la vita” può tradursi in mille modi. È sempre più urgente impegnarsi per diffondere una cultura della vita opposta al rinunciatario abbandono alla solitudine. E questo impegno non può prescindere da un sereno ma solido e strutturato progetto personale di formazione. Il tempo dei ‘secondo me’ ha mostrato tutto il suo limite. Costa fatica non fermarsi nelle comode argomentazioni già conosciute, perché le sfide che abbiamo di fronte spaventerebbero i titani. Dobbiamo inventare (che etimologicamente significa ‘trovare’, non ricominciare da capo) le ragioni vere, le radici profonde del bene che è la Vita.

Persuasi che la civiltà e il vero miglioramento della società passano per i piccoli gesti, il buon uso di ragione, il cuore aperto a consolare ogni persona umana e la mente pronta a smascherare ogni cattiva idea.

Buona festa della Vita!

©Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Resta aggiornato con tutte le iniziative e gli articoli in difesa della vita e della famiglia.


    Acconsento al trattamento dei dati secondo la Privacy Policy

    Ti potrebbe interessare..

    Non possiamo far finta di non vedere e interessarci solo del nostro orticello.

    Non possiamo far finta di non vedere e interessarci solo del nostro orticello.

    Guai a parlare di “reddito di maternità” o di “contributi figurativi” a fini pensionistici legati al numero di figli; guai a mettere nero su bianco norme che garantiscono maternità e lavoro per le donne gravide, come ha chiesto pochi giorni fa Papa Francesco; guai a dire con chiarezza che la culla della vita è la famiglia mamma e papà, e che ogni bimbo ha diritto ad avere una mamma e un papà; guai a difendere i più deboli e malati garantendo cure palliative adeguate ed efficaci, piuttosto che avviarli all’assurdità del suicidio assistito.

    Share This

    Se ti piace questo articolo lo puoi condividere!

    Altre persone potrebbero trovarlo utile.