“La difesa della vita è il più grande atto di amore verso il prossimo.” L’Istituto del Verbo Incarnato Sabato in piazza a Scegliamo la Vita

Chiunque ama il prossimo può partecipare perché difendere la vita e tutelare la maternità sono principi universali che vanno oltre l’appartenenza religiosa

di Redazione

Il Family Day è nato dall’amore sincero per la famiglia e per la vita ed è sbocciato mostrando decine di migliaia di famiglie disposte a manifestare e a combattere per la loro dignità ed esistenza. Tutte le donne e tutti gli uomini hanno pari dignità, non ci sono sconti a questo fondamento della vita civile. La famiglia fondata sull’amore tra uomo e donna che si donano generando il frutto del loro amore che sono i figli, è il secondo fondamento che ha realizzato quella varietà, bellezza e ricchezza di popoli e nazioni che oggi popolano il nostro pianeta.

18 Maggio 2023

“La manifestazione Scegliamo la Vita è atto d’amore verso i più fragili e indifesi – il bambino nel grembo della madre, l’anziano, il disabile – quindi è pienamente in coerenza con il comandamento evangelico dell’amore verso il prossimo”, Padre Andreas Bonello, provinciale dell’Istituto del Verbo Incarnato, si prepara a portare, sabato 20 maggio, per le strade di Roma tutta la vitalità della sua Congregazione. Fratelli e Sorelle del Verbo Incarnato intoneranno canti, suoneranno, pregheranno e lanceranno slogan per tutto il percorso della marcia.

Il religioso mette in luce una Chiesa che scende in campo per essere protagonista della promozione della vita. “Qualcuno, anche tra i consacrati, sebbene sostenga questi valori afferma che manifestare per la vita è un atto divisivo, di odio contro chi la pensa diversamente, ma ovviamente non è vero perché noi non esprimiamo odio e disprezzo contro nessuno ma esaltiamo il valore intrinseco di ogni persona”. Padre Andreas sa bene quanto sia importate sfilare nelle strade, quale messaggio culturale dirompente rappresenti una manifestazione per la vita, da argentino ha infatti animato le proteste contro la nuova legge sull’aborto. “Milioni di argentini scesi nelle piazze hanno lanciato un messaggio fortissimo, alimentando una nuova cultura della vita tra i giovani – spiega ancora il provinciale del Verbo Incarnato – non c’è libro o convegno che tenga il confronto, chi manifesta in strada mettendoci la faccia compie l’atto più forte per la promozione della dignità umana”.

Padre Andres lancia quindi un invito anche ai non credenti: “La piazza è di tutti; religiosi, laici e non credenti, chi promuove l’aborto diffonde una menzogna che crea due vittime la donna e il bambino, quindi chiunque ama il prossimo può partecipare perché difendere la vita e tutelare la maternità sono principi universali che vanno oltre l’appartenenza religiosa”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Resta aggiornato con tutte le iniziative e gli articoli in difesa della vita e della famiglia.

    Acconsento al trattamento dei dati secondo la Privacy Policy

    Ti potrebbe interessare..

    Il popolo per la vita sfila contro la dittatura del pensiero unico

    Il popolo per la vita sfila contro la dittatura del pensiero unico

    In questo scenario ideologico, la Manifestazione “Scegliamo la Vita” che si terrà a Roma sabato prossimo, 22 giugno (Piazza della Repubblica, ore 14.00) acquista una particolare importanza: il popolo della vita si propone di essere il “popolo per la vita”, pronto a sfilare per le vie della capitale allo scopo di manifestare pubblicamente la bellezza della vita, che supera e sorpassa tutte le devastanti ideologie mortifere, dall’aborto al suicidio assistito, all’eutanasia, alla vendita di esseri umani, in particolare di bambini.

    Share This

    Se ti piace questo articolo lo puoi condividere!

    Altre persone potrebbero trovarlo utile.