L’azione sulla famiglia si vede dalle politiche, non dagli affari privati

Valutiamo correttamente l’impatto della manovra sulla vita della famiglia.

di Massimo Gandolfini

Nasce a Roma il 31 agosto del 1951 Nel 1977 consegue la laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università Statale di Milano con il massimo dei voti e lode. Nel 1981 si specializza in Neurochirurgia, sempre a Milano, e nel 1991 in Psichiatria, presso l’Università Statale di Brescia. Dal 1997 dirige il Dipartimento di Neurochirurgia-Neurologia di un ospedale bresciano. Fa parte del Cammino Neocatecumenale. Padre di 7 figli adottati. Presidente dell’Associazione Family DAY.

23 Ottobre 2023

Pubblichiamo per gentile concessione del quotidiano “La Verità”

Mentre siamo ancora nel vivo del dibattito sulla legge di bilancio e del confronto fra governo e opposizione, è opportuno, oltre che utile, proporre qualche considerazione che aiuti i cittadini a capire con chiarezza quanto il DEF promette di fare per contrastare il drammatico inverno demografico che incombe sul nostro Paese, e per aiutare la famiglia. La manovra economica varata dal governo prevede uno stanziamento di un miliardo circa di euro, con lo scopo di aiutare, sostenere e promuovere l’istituto familiare, vero pilastro della società.

La cornice è a tutti ben nota, e il Ministro Giancarlo Giorgetti ce l’ha raccontata in tutti i modi: soldi pochi, necessità e problemi tanti, non si può avere tutto subito. Dunque, cercando di tenere il più possibile i conti in ordine, “meglio poco che niente”, come recita un consolidato detto popolare. E già che ci siamo con l’amarcord, la mia nonna canticchiava una antica canzonetta di fine Ottocento che diceva: “Ommi, ommi, ommi, canta la Ninetta, l’Italia l’è in boletta e nisun la pol salvà!”. Dunque, niente di nuovo sotto il sole! Tornando a noi, per valutare correttamente l’impatto della manovra sulla vita della famiglia, si devono analizzare due campi, fra loro diversi, ma complementari.

Il primo campo riguarda misure che pur non riguardando direttamente l’economia familiare, contribuiscono indirettamente a dare un aiuto concreto. Ad esempio, il taglio del “cuneo fiscale” ha certamente una ricaduta positiva sui redditi delle famiglie meno abbienti (quelle al di sotto dei 25.000/35.000 euro all’anno). Altrettanto dicasi per gli incentivi messi in campo per favorire l’assunzione dei giovani senza lavoro, che gravano non poco sul reddito della famiglia, o l’allargamento del congedo parentale. Il secondo campo è quello delle misure specificatamente a misura familiare: potenziamento dell’assegno unico per il terzo figlio, sostegno alle rette per asilo nido, decontribuzione per le madri con due figli fino all’età di dieci anni del bimbo, che diventa permanente nel caso di tre o più figli, fino al 18° anno del più piccolo.

Sono misure certamente ancora non sufficienti, ma significative e che connotano l’attenzione e lo sforzo del governo per le condizioni delle famiglie, luogo privilegiato per l’accudimento e la crescita dei bambini, anche nell’ottica di sostenere e rilanciare la natalità e di rendere concreto il supporto alle mamme-lavoratrici, in ottemperanza all’articolo 37 della Costituzione. Un miliardo di euro è certamente cifra inadeguata a coprire tutte le esigenze, ma si sta andando nella direzione giusta e, passo dopo passo, si può essere prudentemente ottimisti di poter varare una coraggiosa politica di innovazione strutturale di lungo periodo: primo fra tutti il tema della “riforma fiscale a misura di famiglia”. Fermo restando di onorare il patto “pro life e pro family” che le forze di governo hanno stretto con i propri elettori, dotati di occhio attento e di memoria lunga.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Resta aggiornato con tutte le iniziative e gli articoli in difesa della vita e della famiglia.

    Acconsento al trattamento dei dati secondo la Privacy Policy

    Ti potrebbe interessare..

    Il programma del campo largo: educazione gender ai bimbi

    Il programma del campo largo: educazione gender ai bimbi

    Lanciamo un forte appello a non sostenere con il proprio voto liste, candidati e programmi che promuovono la dissoluzione di principi fondamentali – come la difesa della vita e della famiglia naturale – su cui si è sempre costruita, e si potrà continuare a costruire, una società che sia veramente civile.

    Share This

    Se ti piace questo articolo lo puoi condividere!

    Altre persone potrebbero trovarlo utile.