Per salvare la vita e la salute dei nostri giovani

A Venezia si è tenuto ieri 21 giugno il Seminario Internazionale "Drug Prevention and Youth" per un confronto sulle politiche e strategie di contrasto alla dipendenza da stupefacenti.
Gandolfini parla ad una conferenza

di Massimo Gandolfini

Nasce a Roma il 31 agosto del 1951 Nel 1977 consegue la laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università Statale di Milano con il massimo dei voti e lode. Nel 1981 si specializza in Neurochirurgia, sempre a Milano, e nel 1991 in Psichiatria, presso l’Università Statale di Brescia. Dal 1997 dirige il Dipartimento di Neurochirurgia-Neurologia di un ospedale bresciano. Fa parte del Cammino Neocatecumenale. Padre di 7 figli adottati. Presidente dell’Associazione Family DAY.

22 Giugno 2023

A Venezia si è tenuto ieri 21 giugno il Seminario Internazionale “Drug Prevention and Youth” per un confronto sulle politiche e strategie di contrasto alla dipendenza da stupefacenti, ma non solo.

Erano presenti autorevoli rappresentanti del nostro Governo, ministri, viceministri e sottosegretari, insieme ai rappresentanti di 31 nazioni, esperti medici, giuristi e responsabili di strutture di recupero e riabilitazione di soggetti tossicodipendenti. Ad una sola voce si è dichiarato che non esistono droghe leggere e droghe pesanti e, dunque, il contrasto ad ogni tentativo di legalizzazione/liberalizzazione deve essere assoluto.

Le statistiche e i numeri sono impressionanti e, dunque, il lavoro di prevenzione, informazione corretta e formazione culturale e sociale è di urgenza assoluta. Con un’attenzione speciale verso i più giovani: l’età di approccio alla cannabis si aggira oggi intorno ai 12 anni. Le famiglie vanno aiutate e la scuola deve assumere un ruolo educativo di contrasto, evitando derive ideologiche in palese contraddizione con i dati scientifici di tutto il mondo.

Ho registrato con grande soddisfazione una concreta volontà di azione per salvare vita e salute dei nostri giovani. Voglio sottolineare il fatto che non si è levata una sola voce in favore della deriva, tutta ideologica, della cosiddetta “droga libera”. Il lavoro che abbiamo davanti è enorme: proprio per questo ognuno deve fare la sua parte e, tutti insieme, agire contro la cultura di morte che ogni forma di dipendenza porta con sé.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Resta aggiornato con tutte le iniziative e gli articoli in difesa della vita e della famiglia.

    Acconsento al trattamento dei dati secondo la Privacy Policy

    Ti potrebbe interessare..

    Il programma del campo largo: educazione gender ai bimbi

    Il programma del campo largo: educazione gender ai bimbi

    Lanciamo un forte appello a non sostenere con il proprio voto liste, candidati e programmi che promuovono la dissoluzione di principi fondamentali – come la difesa della vita e della famiglia naturale – su cui si è sempre costruita, e si potrà continuare a costruire, una società che sia veramente civile.

    Appello al voto

    Appello al voto

    In occasione delle elezioni europee il presidente del Family Day Massimo Gandolfini rivolge un appello agli elettori per un voto consapevole a sostegno della vita e della famiglia

    Share This

    Se ti piace questo articolo lo puoi condividere!

    Altre persone potrebbero trovarlo utile.