Lo spot di una pesca che dice la verità

Lo spot Esselunga ci racconta una verità che non vogliamo sentire.

di Francesca Caloi

Moglie, madre, avvocato, aderente al Family Day, amante del diritto naturale a difesa della vita dal concepimento alla morte naturale.

27 Settembre 2023

Che cosa sono i figli?

Chissà se chi ha ideato la pubblicità di Esselunga “La pesca. Una storia Esselunga” ha scelto la pesca per rappresentare che i figli sono il frutto di un amore.
Mi stupisce comunque che Emma, la protagonista del video, al supermercato con la mamma, venga letteralmente “rapita” nella scelta di una pesca.

Non si addentra nel reparto giocattoli, nemmeno nelle sconfinate corsie di dolci e cioccolate. Mi sorge allora spontanea un’altra domanda: di che cosa hanno bisogno i nostri figli?

Tra tutto Emma ha bisogno di una pesca perché ha dentro un desiderio profondo, insopprimibile direi, al punto da renderla creativa e capace di generare legami nonostante i ridotti strumenti di cui un bambino dispone. Noi adulti talvolta ci dimentichiamo il centro, l’essenza e così la mamma di Emma non dà alcun valore alla pesca. I bambini invece sono nati per ricordarci che sono frutto di un amore e di quello solo hanno bisogno per maturare. Emma non giudica la condizione dei suoi genitori – dal video si comprende che vivono separati – ma ricorda a loro, e a noi, ciò di cui ha veramente bisogno.

Una famiglia unita.

L’immagine è stata tratta dallo spot “LA PESCA. Una storia Esselunga”

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Resta aggiornato con tutte le iniziative e gli articoli in difesa della vita e della famiglia.

    Acconsento al trattamento dei dati secondo la Privacy Policy

    Ti potrebbe interessare..

    Il programma del campo largo: educazione gender ai bimbi

    Il programma del campo largo: educazione gender ai bimbi

    Lanciamo un forte appello a non sostenere con il proprio voto liste, candidati e programmi che promuovono la dissoluzione di principi fondamentali – come la difesa della vita e della famiglia naturale – su cui si è sempre costruita, e si potrà continuare a costruire, una società che sia veramente civile.

    L’ Amore di una mamma

    L’ Amore di una mamma

    Sono diventata mamma per la prima volta a 29 anni. Mio marito Francesco ed io non ce lo aspettavamo, non lo avevamo pianificato. Eravamo sposati da quasi un anno e, un po’ ingenuamente, pensavamo di “avere ancora tempo” per le nostre cose prima di aprirci alla vita....

    Share This

    Se ti piace questo articolo lo puoi condividere!

    Altre persone potrebbero trovarlo utile.