Se l’acqua della cultura diffusa è avvelenata, la coscienza morale muore e gli appelli “indignati” servono solo a lavarsi, ipocritamente, la coscienza, mentre tutto va avanti come prima.